PADIGLIONE DELL'URUGUAY EXPO MILANO - MSC Associati

Vai ai contenuti
PADIGLIONE URUGUAY
EXPO MILANO
PADIGLIONE ESPOSITIVO URUGUAY, EXPO, MILANO
Area lotto: 760 mq Anno di completamento: 2015 Incarico: Referenti locali per la progettazione
e preparazione della documentazione amministrativa nelle varie fasi Direzione lavori generale e strutturale -
Sicurezza Progetto architettonico: Javier Charquero Diaz, Uruguay
L’edificio è concepito come un elemento unico, monolitico e completamente bianco. Intorno a questo elemento primario si colloca la rampa che avvolgendosi come una spirale attorno all’edificio collega i tre livelli. Il percorso è delimitato lateralmente da lamelle in acciaio dipinto di bianco scandite orizzontalmente da ceppi di legno rustico di faggio. Al piano terra è situato il ristorante, al primo piano una piccola sala spettacolo e al secondo piano si trova la zona riservata agli uffici e una piccola terrazza. Il tetto è verde e dotato di pannelli solari. La scelta di un lotto così piccolo (solo 750 mq), ha avuto come conseguenza quella di poter destinare poco spazio ad aree prettamente esterne, a giardino al piano terra. D’altro canto ovviamente, avere piccoli spazi dà la possibilità di concedere maggiore cura e attenzione alla progettazione degli elementi. Cuore del giardino è la grande scultura in legno di ulivo, attrazione per i visitatori e sicuramente elemento chiave del padiglione uruguaiano ad Expo. Si tratta dell’ultimo lavoro di Pablo Atchugarry intitolato “La vida después la vida”. Il cantiere di costruzione è durato 5 mesi, a seguito dell’evento MSC si è inoltre occupata dello smontaggio della struttura che è stata poi ricostruita ad Origgio (Varese) ed attualmente occupata dal primo ristorante uruguayano in Italia.
B4032_01.jpg
B4032_02.jpg
B4032_03.JPG
B4032_04.jpg
B4032_05.jpg
Torna ai contenuti